I più rari e costosi Patek Philippe di tutti i tempi

[emaillocker id=1263]

Il tesoro nel nido della gazza ladra

A Blog to Watch ha stilato la classifica dei 17 Patek Philippe più costosi e rari della storia e noi di Patekmaster abbiamo piacere di riproportelo in italiano.

In questa classifica non si parla più “semplicemente” di segnatempo di lusso ma di vera e propria arte.
Quell’arte paragonabile a un quadro dei grandi artisti presenti nelle gallerie d’arte.

Il nome Patek Philippe è tra i più influenti di tutta l’industria orologiera. Ed è sinonimo di classe, tradizione, elevati valori d’asta e di alcuni tra i più belli orologi tradizionali mai creati.

Patek Philippe è una società indipendente i cui segreti e piani sono gelosamente custoditi ed i suoi orologi più esclusivi spesso passano direttamente dalla fabbrica alle mani dei collezionisti più prestigiosi del mondo – e non saranno mai messi in vendita o in vetrina.

Quando vi sono pezzi prestigiosi da battere all’asta, Patek Philippe domina facilmente la situazione rispetto a tutti gli altri produttori di orologi e inanela regolarmente prezzi record.

La maggior parte dei segnatempo PP fruttano delle grandi fortune in occasione di aste con pezzi rarissimi spesso unici, realizzati per collezionisti speciali. La maggior parte di questi orologi personalizzati sono stati prodotti nella prima metà del 20 ° secolo, in un periodo in cui la casa svizzera era molto più aperta alla progettazione e sperimentazione dei segnatempo.

 

17. Sky Moon Tourbillon 6002G – $1,5 milioni

Patek-Philippe-Raro-Sky-moon-tourbillon-6002G-5
Patek Philippe Skymoon tourbillon 6002G

Lo Sky Moon Tourbillon è senza dubbio uno degli orologi più celebri che la Patek Philippe abbia mai realizzato. All’inizio del 2013, la manifattura ha introdotto il modello successivo, ora denominato 6002G. Con le sue cesellature incredibilmente intricate (e forse un po’ eccessive) che adornano la sua cassa in oro bianco a 18k, il 6002G è riuscito a portare l’aspetto già notevole del suo predecessore ad un livello superiore. Oltre la sua splendida estetica, questa referenza nasconde il movimento più complicato per orologio da polso che Patek abbia mai prodotto. La parte frontale dell’orologio visualizza l’ora, il calendario perpetuo con data retrograda, e le fasi lunari, mentre il quadrante sul retro è riservato a compiti più metafisici: mostra una mappa stellare del cielo boreale e le indicazioni per il tempo siderale su una scala di 24 ore, il tempo di passaggio al meridiano di Sirio e della luna con la progressione angolare e la fase della luna.

Nonostante non si intraveda attraverso un vetro in zaffiro sulla cassa in oro bianco (dato che ha un quadrante a doppio lato), l’organo regolatore del movimento è un tourbillon da un minuto. Composto da 69 pezzi e un peso complessivo di soli 0,3 grammi, è uno dei pochi tourbillon che sono di fatto sottoposti a test rigorosi di cronometria, con le sue variazioni dello scarto regolato per non superare -2 e 1 secondo al giorno. Infine, il calibro 686 dello Sky Moon Tourbillon dispone anche di una ripetizione di minuti, che scandisce il tempo – quello che viene visualizzato sul quadrante anteriore – con i suoi due gong cathedral. Dato che Patek ne ha realizzati solo due, il prezzo di tutta questa opera di alta orologeria cesellata è di circa $ 1.500.000. Nemmeno così lontano dallo Sky Moon Tourbillon ref. 5002.

16. Referenza 1563 Cronografo Sdoppiante in oro 18k — $1.57 milioni

Patek-Referenza-1563-Christies
Patek Philippe referenza 1563 Credits: Christies

Prodotto nel 1947 e venduto nel 1950, questo pezzo (all’asta da Christie a novembre 2013) è uno dei tre con Referenza 1563 di cui si conosca l’esistenza. E’ un cronografo bi-Compax Basato sul modello 1436, di cui possiede anche il fondello a vite impermeabile. La differenza è da ricercarsi nell’ aggiunta della complicazione del meccanismo cronografo rattrappante. La complicazione è nota per essere tra le più difficili da montare e produrre.

Questo pezzo in particolare è unico tra le tre iterazioni della referenza 1563 in quanto ha numeri Breguet e sfere a spada luminosi – tutti originali dell’orologio. Sui documenti di Patek è scritto che in realtà ha come numero 1436 impresso nella parte interna del fondello. Non è chiaro se sia dovuto alla mancanza di componenti stampati in modo corretto, o semplicemente perché qualcuno ha avuto una brutta serata il giorno prima di assemblare questo bel pezzo. Quello di cui siamo certi è che per le cifre in grassetto, la disposizione del quadrante finemente equilibrata e la sua sublime complicazione, il 1563  mostra un look senzatempo e, osiamo dire, più sportivo.
Una peculiarità non di poco conto per i collezionisti di oggi e domani.

stai-cercando-un-patek 1

15. Probabilmente l’unico prototipo di orologio da polso da aviatore — $1.71 milioni

Patek-Philippe-Pilots-Probabilmente l'unico prototipo di aviatore Christies-2
Patek Philippe Pilots Probabilmente l’unico prototipo da aviatore: Credits: Christie’s

Gli orologi Patek Philippe più rari del mondo e quindi i più costosi sono tutte creazioni uniche che hanno qualche particolarità distinguibile da tutti gli altri. Ciò premesso, questo prototipo di orologio da aviatore del 1936 è semplicemente “qualcos’altro”. Per cominciare, il suo movimento è stato realizzato nel 1912, e solo 24 anni più tardi è stato inserito nella cassa al nichel-cromo che vedi qui sopra.
Dotato di ciò che viene definito come “quadrante con secondi centrali sdoppianti e meridiano orario” questo prototipo unico ha un solo omologo al mondo, poichè Patek è nota aver prodotto solo due esemplari.

Il termine “quadrante con meridiano orario” indica che la lancetta delle ore ruota una volta in 24 ore, indicando i gradi d’arco nel disco centrale diviso in 360°. La lancetta dei “minuti” ruota una volta ogni 4 ore e viene letta sulla scala di 60. Le due lancette dei secondi ruotano ogni 4 minuti, e mostrano i minuti angolari. Di conseguenza, l’orario mostrato sull’orologio nella foto, indica 332 8.5 ‘, che si traduce in 22 ore, 8 minuti e 30 secondi, lo stesso orario che tutti gli orologi mostrano nei libri e cataloghi. Con una cassa dal diametro enorme di 56 millimetri, questo pezzo è stato progettato per essere portato dai piloti che l’avrebbero indossato sulla parte esterna della tuta di volo. Un pezzo davvero unico e molto interessante che è stato venduto da Christie’s l’11 maggio 2009, per 1710690 dollari

 

14. Raro cronografo del conte Trossi $2.24 milioni

Patek Philippe raro cronografo conte trossi
Patek Philippe raro cronografo conte Trossi credits: Sotheby’s

A volte le cose non devono essere così complicate per essere desiderabili e, secondo alcuni, per essere estremamente preziose. Gli orologi grandi vanno molto di moda oggi, il che rende ancora più importanti gli orologi del passato che erano straordinariamente grandi per il tempo spingendo in alto la loro domanda. Nel mondo speciale delle aste, una grande domanda significa un prezzo d’offerta senza limiti.

Un esempio stellare è il monopusher cronografo dal 1932: alloggiato in una cassa d’ oro a 18k che misura 46 millimetri di diametro, non solo era considerato all’epoca un orologio estremamente grande,  ma resta ancora più sorprendente dato che Patek Philippe non produceva generalmente modelli di tali dimensioni .

Prodotto come un ordine speciale e venduto per il conte Carlo Felice Trossi, presidente della Ferrari 1932 al 1934, questo orologio non è solo raro, ma ha anche il valore aggiunto di appartenere ad un importante proprietario di spicco. E ‘ una vera e propria “chicca” anche avere una fotografia di quei tempi con il proprietario che indossa l’orologio. Sul background dell’ immagine puoi vedere il presidente della Ferrari, che indossa con orgoglio il suo Patek 46 millimetri fatto su misura con singolo pulsante del cronografo sulla manica, per poter tenere il tempo più velocemente. Venduto da Sotheby a maggio 2008 per $ 2240000, questo orologio è l’ennesima riprova dell’interesse massiccio verso orologi importanti e insolitamente grandi del passato.

 

13. Referenza 1591 Calendario Perpetuo 2.24 milioni

Patek-Philippe-Raro-referenza-1591
Referenza 1591 calendario perpetuo credits: Christie’s

 

Nel corso degli anni (o meglio, secoli), Patek ha creato una fantastica gamma di referenze diverse. Mentre il numero 1591 potrebbe non dirti nulla, è chiaro che per Patek rappresenta qualcosa di veramente importante, dato che è finito sulla copertina del Catalogo di Christie’s Ginevra del 2007. La sua miscela speciale di estetica eccezionalmente raffinata e meccanismi incredibilmente complessi fanno del 1591 un pezzo estremamente desiderabile anche tra gli altri orologi di importanza storica. Come se ciò non bastasse, aggiungiamo che solo due -hai letto bene – due pezzi sono stati realizzati. Quello venduto da Christie’s è ben unico nel suo genere essendo l’unico prodotto in acciaio, mentre l’altro è in oro giallo 18k. E nonostante il fatto che sia stato prodotto nel 1944 ( periodo estremamente difficile durante la guerra ) e realizzato con un materiale che Patek ha sempre evitato, questo pezzo ha ancora di più da raccontare di sè.

Secondo le note di Christie’s, il 1591 è stato sconosciuto alla letteratura e al mercato fino al 1996. Quell’anno è stato è stato offerto in asta per la prima volta, superando il record mondiale di allora per un orologio d’acciaio mai venduto durante un battuta. Secondo le note di Patek è stato venduto dal suo rivenditore in India e, come osserva Christie, in realtà era “l’orgoglio di un Maharaja cui piaceva indossare il robusto segnatempo di tanto in tanto durante le partite di polo. E ‘stato poi regalato all’uomo incaricato di organizzare le nozze del Maharaja. ” Dopo il raggiungimento di un sorprendente $ 2240714 tutto quello che sappiamo è che il pezzo si trova ora al Museo Patek Philippe.

 

stai-cercando-un-patek 1

12. Il primo Grande Complicazione da tasca di Patek Philippe, realizzato per Stephen Palmer – $ 2.25 milioni

Patek-Philippe-Raro-primo- grande-complicazione-da-tasca
Patek Philippe Raro primo grande complicazione da tasca. Credits: Christie’s

 

Un altro orologio da tasca di Patek Philippe incredibilmente complicato; ma questo ha qualcosa in più della media tra i suoi simili: è la prima grande complicazione mai realizzata e registrata dal produttore.
In realtà, per lungo tempo si è creduto che un pezzo realizzato nel 1910 fosse stato il primo, fino a quando questo che vedi in foto è stato offerto all’asta dal suo proprietario. Realizzato nel 1898 e venduto nel 1900 ad uno dei più grandi imprenditori dei primi anni del 20esimo secolo in America, il signor Stephen S. Palmer.

Questo orologio presenta
– ripetizione minuti,
– calendario perpetuo,
– cronografo rattrappante,
– fasi di luna,
– grande e petite Sonnerie,

E’ fatto in oro rosa 18k ed è tra i più importanti orologi che la Patek abbia mai realizzato. Come si può leggere sulla ricevuta originale che è stata inclusa nella vendita, Palmer ha acquistato il pezzo nel 1900 per la bella cifra di 6000 franchi svizzeri. Ciò che non è stato documentato, ma è mostrato chiaramente dalla condizione dell’orologio, è che è rimasto conservato per più di un secolo nella sua scatola originale.

In sintesi, questo è il miglior esempio tra tutte le Grandi Complicazioni conosciute fino ad oggi essendo non solo il primo mai realizzato, ma anche quello nella condizione migliore. Considerando i prezzi che altri pezzi hanno raggiunto nella nostra collezione di pezzi super rari Patek Philippe, il fatto che questo pezzo è stato venduto da Christies nel giugno 2013 per $ 2250000 ci fa intuire che qualcuno ha fatto un discreto affare…

11. Il tesoro nel nido della gazza ladra $ 2.32 milioni

Patek-Philippe Il tesoro nel nido della gazza ladra
Patek-Philippe Il tesoro nel nido della gazza ladra: Credits: Sotheby’s

 

Costruito intorno a un movimento al quarzo, l’importanza di questo unico orologio Patek Philippe non sta nella sua complessità meccanica, ma piuttosto nella sua rarità e il suo uso articolato di materiali preziosi. Realizzato nel 1992, al centro di questo orologio da esposizione c’è una gazza, coperta d’oro in due diverse tonalità: nel becco ha una gemma di tanzanite di 104.75 carati, di forma ovale che sembra in procinto di mettere nel suo nido d’oro giallo. L’albero, scolpito in calcite, onice e agata, sta su un blocco di prezioso cristallo di rocca, che è stato ulteriormente abbellito con fiori gialli, bianchi, blu e rosa di agata e foglie verdi di agata. Tutti sono arricchiti con diamanti, rubini e petali d’ametista.

Come se questo non fosse sufficiente per quella che sembra essere la più fortunata gazza di tutta la storia umana, il nido contiene tesori con diamanti incastonati, tra cui un paio di forbici, occhialini, bussola, spilla da balia ornati di rubini e ricoperti di smalto. Adornato con decine di fiori e dettagli realizzati a mano con 24.95 carati di diamanti e 13.17 carati di rubini, quest’ opera unica ha avuto un stima iniziale di 640.000 $. Un prezzo apparentemente elevato. Come puoi immaginare ha superato con sorprendente facilità la sua valutazione arrivando a costare più di $ 2300000 al suo nuovo proprietario.

10. Referenza 3448 Raro – Calendario Perpetuo automatico in oro rosa – $ 2.33 milioni

Patek Philippe referenza 3448 Raro - Calendario Perpetuo automatico in oro rosa
Patek Philippe referenza 3448 Raro – Calendario Perpetuo automatico in oro rosa: credit christie’s

 

Lanciato nel 1962, il Patek Philippe con referenza 3448 è stato il primo orologio da polso automatico con calendario perpetuo mai realizzato da qualsiasi manifattura. Ne sono stati prodotti un totale di 586 nel corso di quasi due decenni, fino al 1981, quando Patek ritirò il 3448 per sostituirlo con una versione leggermente aggiornata denominata 3450. Venduto nel 1968, questo particolare pezzo è finito ad un collezionista che a quanto pare aveva un visione chiara del valore che avrebbe avuto decenni più tardi. Così l’ha riposto in una cassetta di sicurezza e l’ha tenuto lì con la scatola e i certificati originali.

43 anni dopo, come se nulla fosse accaduto, è stato offerto all’asta da Christie’s, direttamente dal proprietario. L’orologio era in condizioni incredibilmente eccellenti e originali con una cassa lucida e inalterata, rara e originale corona “PP” e un quadrante immacolato.Ma la storia di questo 3448 non finì lì. Come nella tendenza dell’epoca, la maggior parte delle iterazioni di questo modello avevano la cassa in oro giallo 18k, alcuni erano in oro bianco e solo due sono stati fatti in platino. Questo pezzo, tuttavia, è in oro rosa: una prelibatezza così rara che nessun archivista, banditore o un collezionista sapeva della sua esistenza fino a quando non è stato messo all’asta. E’ ‘l’unica referenza 3448 conosciuta in questo materiale. Con queste premesse, non sorprende affatto che i collezionisti di Patek fossero in fibrillazione, quando le offerte rapidamente superarono la stima da 500.000 a 1 milione di Franchi svizzeri. In definitiva, questo orologio unico nel suo genere, fu venduto per 2,1 milioni di franchi (o $ 2,3 milioni), ripagando profumatamente il collezionista lungimirante che lo ha custodito amorevolmente per più di quattro decenni.

stai-cercando-un-patek 1

9. Referenza 2523 Worldtime – $2,99 milioni

Patek-Philippe-Referenza-2523-World-Time
Patek Philippe referenza 2523 – Credits: Christie’s

Seguendo la serie precedente di orologi della nostra lista tra i più complicati, importanti e spesso fatti su ordinazione, siamo arrivati ​​a uno che si differenzia dal resto in modo molto singolare. E’ la referenza 2523  World Time del 1955. Questo è un pezzo che è passato quasi inosservato al suo debutto. La terra non ha tremato nei pressi di Ginevra dopo il suo completamento e non c’era alcun ricco collezionista d’oltremare che non vedeva l’ora di riceverlo. Sembrava piuttosto un pezzo strano ma non tanto utile nella pratica, e quindi non riscosse un successo immediato.

Tieni in considerazione però che al momento della sua creazione alla metà degli anni 50 i viaggi d’affari intercontinentali erano molto meno comuni di quanto non siano oggi, e ciò ha reso questo orologio meno desiderabile rispetto ai suoi omologhi similmente costosi che erano dotati di altre utili complicazioni rispetto agli standard contemporanei. In ogni caso il Patek Philippe World Timer originale è un pezzo complicato di per sé.
L’ingegnoso sistema a disco del World Timer è stato inventato da Louis Cottier nel 1931 e fu poi utilizzato da Patek, Vacheron Constantin, Rolex, e altri. Cambiando i tempi, questa complicazione non solo è divenuta una delle funzioni utili più popolari, ma la referenza 2523 è diventata anche molto più apprezzata tra i collezionisti, come si evince dai prezzi a sette cifre che questi World Timer puntualmente raggiungono alle aste. Questa versione, con una mappa dipinta a mano del Nord America al centro del quadrante, è stato venduta da Christie nel 2012 per quasi 3 milioni di dollari.

8. Unico ripetizione minuti in oro giallo prodotto per Henry Graves Jr. – $ 2.994 milioni

Patek-Philippe-Unico ripetizione minuti in oro giallo
Patek Philippe Unico ripetizione minuti in oro giallo – Credits: Sotheby’s

 

Oltre all’orologio da tasca Supercomplicato, ecco un altro pezzo realizzato da Patek Philippe per Henry Graves Jr. Con la misura di soli 30,5 millimetri di diametro, questo piccolo orologio di forma tonneau ha molto di più in ballo di quello che il suo semplice aspetto lascia vedere. Per cominciare,  è il primo orologio da polso che Henry ha commissionato a Patek Philippe. Secondo gli archivi del produttore, questo orologio contiene un movimento a ripetizione minuti prodotto nel 1895, ed è stato in realtà incassato molto più tardi, nel 1927, prima di essere venduto a Graves. Si tratta di uno dei quattro orologi da polso che Patek gli ha consegnato ed è l’unico che è prodotto in oro giallo. Il fondello è inciso con lo stemma d’armi ed il motto di Graves: Esse Quam Videri, “Essere, non apparire”. Il fatto che il movimento elaborato di questo orologio sia stato nascosto dietro un solido fondello è solo un altra dimostrazione che Graves Jr. prendeva piuttosto sul serio il motto di famiglia.

I ripetizione minuti di Patek (e anche di altre marche) restano tra gli orologi più desiderabili e tecnicamente difficili da realizzare. Ciò era era ancora più vero nel periodo in cui questo pezzo è stato prodotto. La manifattura di orologi con questa complicazione rimane bassa per la loro complessità e per l’esiguo numero di maestri orologiai che sono effettivamente in grado di assemblarli. Tieni a mente che questo pezzo è tra alcuni dei primi orologi da polso a ripetizione realizzati da Patek Philippe. Inoltre, era di proprietà di qualcuno che era è stato uno dei più importanti collezionisti di Patek di sempre. Questo dovrebbe aiutare a spiegare il prezzo di quasi 3 milioni di dollari che è stato pagato nel 2012 ad un’asta di Sotheby’s.

7. Unico cronografo a forma di cuscino pulsante singolo in oro bianco 18k – $ 3.63 milioni

Patek-Philippe-Raro-unico cronografo pulsante singolo in oro bianco
Patek-Philippeunico cronografo pulsante singolo in oro bianco 18k – Credits: Christie’s

 

Questo cronografo probabilmente unico a forma di cuscino monopulsante è stato realizzato da Patek Philippe nel 1928 ed è stato venduto nel 1931. C’è una buona ragione per cui queste date potrebbero sembrarti familiari, dato che stiamo attualmente rivivendo in un’economia globale che è stata danneggiata in gran parte da una grave crisi economica. Nel 1929 la Grande Depressione ha colpito l’industria orologiera molto più duramente di quella che abbiamo sperimentato recentemente. Tuttavia, sono stati i “migliori clienti” di alcune marche di orologi che hanno giocato un ruolo importante nel mantenere attive le loro manifatture preferite. Parte di questo ordinando e pagando prezzi esorbitanti per modelli unici.

Il pezzo sopra crediamo sia uno di quegli orologi su ordinazione, uno dei pochi cronografi a cuscino prodotti da Patek Philippe. Ancora più importante, è stato l’unico cronografo monopulsante in oro bianco che Patek abbia mai prodotto. Chiaramente lo ha reso ancora più desiderabile per i collezionisti. assieme ad un design senza tempo completato da lancette in oro bianco a spada e numeri Breguet applicati. Al di là della mera rarità delle combinazioni di materiali ed elementi di design che troviamo nel cronografo, è importante ricordare che questo pezzo è stato realizzato quasi 90 anni fa, ma ha l’aspetto e funziona bene così come qualsiasi cosa prodotta da allora. Ne dubiti? Basta dare uno sguardo alla referenza 5950 rilasciata recentemente, un orologio molto simile di Patek che ha debuttato nel 2010. Considerata la rarità, l’importanza e la resistenza al trascorrere del tempo e il prezzo di 3 600000 dollari ti sembrerà già più comprensibile.

 

6. Referenza 2499 / 100P “Eric Clapton” in platino – $ 3.63 milioni

Patek-Philippe-Referenza-2499-Eric-Clapton-
Patek-Philippe Referenza-2499 Eric Clapton – credits: Christie’s

stai-cercando-un-patek 1

Patek ha iniziato a produrre la referenza 2499 nel 1951 e ne ha prodotti una decina all’anno, per oltre 35 anni. Per la maggior parte dei collezionisti, l’importanza e il valore percepito di questo modello sta nella sua cassa e disposizione sul quadrante perfettamente proporzionati, in combinazione con le tre complicazioni che definiscono alcuni dei riferimenti più desiderati di Patek ancora oggi: un calendario perpetuo, fasi luna e cronografo. La sua appetibilità viene ulteriormente messa alla prova ogni volta che un 2499 va in asta risultando costantemente uno dei più importanti pezzi di ogni vendita. Mentre esistono solo 349 pezzi di questa referenza, quasi tutti sono stati prodotti in oro giallo e ne sono stati fatti solo una decina in oro rosa, e solo 2 sono stati realizzati in platino.Questi ultimi due pezzi sono stati effettivamente prodotti non per la vendita, ma per rimanere all’interno di Patek, come una celebrazione dei tre decenni e mezzo di produzione di questo pezzo iconico. Uno di questi due modelli di platino di post-produzione ha effettivamente lasciato la Patek, per la storica asta “The Art of Patek Philippe” nel 1989, ed è stato venduto privatamente fino a quando è finito alla leggenda del rock e grande collezionista di orologi Eric Clapton. E ‘stato e rimarrà certamente l’unico 2499 in metallo bianco in mano a privati. Dal momento che ha lasciato Patek, è stato a disposizione del pubblico la prima volta quando è stato venduto da Christie nel 2012. L’offerta finale per il 2499 / 100P ha superato 3,6 milioni di dollari.

5. Referenza 5004T titanio per l’asta Only Watch – $ 3.99 milioni

Patek-Philippe-Referenza-5004T-Titanium
Patek Philippe Referenza 5004T in Titanio

 

Anche se la Patek ha smesso di produrre la referenza 5004, per la quinta asta di Only Watch (tenutasi a settembre 2013) ha pensato di crearne una versione finale e del tutto unica, il 5004T. E’ alloggiato in una cassa in titanio lucidato, materiale raramente utilizzato dalla casa di Ginevra. Ciò che ha reso il design ancora più particolare rispetto alle altre versioni 5004 (e altri orologi Patek in generale) è il quadrante in oro massiccio, inciso a mano con un motivo a scacchi.L’orologio è dotato del meraviglioso calibro della Manifattura CHR 27-70Q, sulla base di un movimento creato in esclusiva per Patek da Nouvelle Lemania. Le sue funzioni comprendono un cronografo a frazioni di secondo e un calendario perpetuo con indicazione delle fasi lunari. Il 5004T, senza dubbio, è stato un orologio insolito e molto speciale di Patek Philippe. Questo sentimento è stato fortemente riflesso nel prezzo che il pezzo ha realizzato in asta. Aveva una stima compresa tra 400.000 e 600.000 euro, un range di prezzo che questa offerta unica ha superato di gran lunga arrivando di poco sotto i 4 milioni di dollari al momento dell’evento.

4. Referenza 2458 Cronometro dell’ Osservatorio per JB Champion – $ 3.99 milioni

Patek-Philippe-Referenza-2458-cronometro dell' osservatorio
Patek Philippe Referenza 2458 cronometro dell’ osservatorio – Credits: Christie’s

Un’altra rarità assoluta tra gli orologi da polso più ambiti di Patek Philippe è questo unico, cronometro certificato con referenza 2458. Un orologio con certificato cronometrico potrebbe suonare familiare a molti: COSC è l’istituzione svizzera ufficiale che testa orologi sottoposti individualmente sulle prestazioni di cronometraggio e rilascia il certificato, una volta superate le prove. Tuttavia, gli orologi con provenienza dell’Osservatorio sono su un altro livello. Prima dell’avvento degli orologi al quarzo nel corso del 1960, venivano organizzati Concorsi dell’Osservatorio di Precisione per verificare lo sviluppo dei movimenti migliori. Patek ha vinto oltre 700 titoli nel corso di diversi decenni in queste competizioni.

Joe Ben Champion, che ha ordinato questo orologio, è stato un avvocato di successo della difesa penale, e anche lui è stato uno dei più importanti clienti di Patek Philippe.Voci di corridoio dicono anche che fosse ossessionato dalla precisione, un attributo che probabilmente gli è stato d’aiuto nei momenti cruciali di alcune delle cause più difficili. Combinazione perfetta, ha chiesto un orologio cronometro certificato di Patek, il segnatempo ideale per chi è maniaco di puntualità. E ‘stato dotato di un movimento speciale che anche se ne sono stati fatti una trentina di pezzi per partecipare ai concorsi dell’Osservatorio, solo due sono stati venduti. Per coronare il tutto, questo pezzo rimane l’unica referenza 2458 in platino e comprende anche con un bracciale in platino, un cinturino in pelle, un quadrante in diamanti come set supplementare.

stai-cercando-un-patek 1

3. Calibro 89 Orologio da Tasca Grande Complication- $ 4.95 milioni

Patek-Philippe-Calibro-89-antiquorum
Patek Philippe Calibro 89 orologio da tasca, grande complicazione – credits: antiquorum

Il Calibro 89 è l’orologio più complicato che Patek Philippe abbia mai creato. La manifattura l’ha presentato nel 1989 per festeggiare il suo 150 ° anniversario. L’orologio tra disegni iniziali e la sua realizzazione ha richiesto 9 anni di sviluppo e produzione. Il suo movimento a 4 livelli comprende 33 complicazioni, tra i quali il calendario perpetuo, tramonto-alba e visualizzazione del tempo siderale, carillon Westminster su quattro gong, Grand e Petite Sonnerie, sveglia, termometro e un tourbillon con gabbia in titanio due minuti. Il movimento stesso contiene 1.728 pezzi rifiniti a mano, 126 gioielli e pesa qualcosa come 600 grammi. Sì, questo è solo il movimento!

Un fatto meno noto sul Calibro 89 è che ne esistono non una, ma in realtà quattro versioni, uno in oro bianco, giallo e rosa così come uno in platino. Qui sopra è mostrata la versione in oro giallo venduto da Antiquorum per quasi 5 milioni di dollari nel 2009. Dato che questo pezzo straordinario è indicato come orologio da tasca ( essendo di 88 millimetri di diametro e 41 millimetri di spessore, accompagnato da un peso complessivo di 1.100 grammi, più di un kg! ), è meglio tenerlo a casa, in cassaforte in luogo sicuro.

2. Referenza 1527 Calendario Perpetuo in oro rosa 18 carati – $5.7 milioni

Patek-Philippe-Referenzaa-1527-calendario-perpetuo-18k-oro rosa
Patek Philippe Referenzaa-1527 calendario perpetuo 18k oro rosa – credits: christie’s

 

La referenza 1527 è l’orologio da polso più costoso di Patek Philippe che sia mai stato venduto in asta, ma solo dopo uno sguardo più attento si capisce esattamente il motivo per cui è riuscito a spuntare un prezzo così stratosferico. Prima di tutto, vi è il periodo in cui è stato realizzato: tra il 1943 e il 1944. Non è solo il fatto che l’orologio è stato prodotto durante la seconda guerra mondiale, ma anche che questo pezzo unico in particolare serviva come precursore di alcuni degli orologi da polso più iconici che Patek Philippe abbia mai prodotto. Per il collezionista di Patek informato, il 1527 è una macchina del tempo: le sue anse allungate e leggermente curve, la sua struttura e il suo quadrante insolitamente grandi per il periodo con diametro di 37,6 mm: tutte queste caratteristiche hanno preceduto altre referenze di Patek di almeno un decennio.

Inoltre, il disegno complessivo e le dimensioni di questo orologio rimangono eleganti e senza tempo, anche 70 anni dopo la sua creazione.Il calendario Perpetuo 1527 è stato il primo disponibile in vendita più di venti anni fa, quando è stato messo all’asta. Era stato chiuso in cassaforte finché giunse all’asta da Christie’s nel 2010. Ha richiesto un grande sforzo da parte degli archivisti per la ricerca del suo passato dato che fu venduto intorno al 1990 e di prima non se ne sapeva molto. In definitiva, grazie agli archivi di Patek Philippe, è stato rivelato che si trattava di un calendario perpetuo in un cassa con referenza 1527 e, come tale, tra i due pezzi complicati di questo numero di modello mai realizzati dalla manifattura. L’altro pezzo senza la funzione di cronografo apparteneva a Charles Stern, il primo proprietario di Patek della famiglia Stern. L’altro pezzo è questo unico 1527, che non solo ha dimostrato di essere il pezzo più complicato di questa referenza, ma anche una macchina del tempo che ha preceduto di decenni alcuni dei più famosi orologi da polso di Patek.

1. L’Henry Graves Jr. Supercomplication –  $23.9 milioni

Patek-Philippe-Supercomplication-Henry-Graves
Patek Philippe Supercomplication Henry Graves – Credits: Christie’s

 

Il Supercomplication è tra i più complessi e storicamente importanti orologi mai realizzati da Patek Philippe e da qualsiasi altra manifattura orologiera. Con i suoi due quadranti, 24 complicazioni, più di 900 parti e un peso di quasi 500gr, questo orologio da tasca in oro a 18k ha spinto i limiti della complessità meccanica oltre qualsiasi altro orologio mai prodotto prima. Tra le altre complicazioni è dotato di un calendario perpetuo, una ripetizione minuti con Suoneria Westminster, tempo siderale e una carta celeste tra cui la mappatura del cielo sopra Manhattan. Dopo cinque anni tra pianificazione e montaggio, è stato consegnato nel 1933 al suo cliente, Henry Graves Jr., un banchiere milionario e appassionato collezionista di orologi di New York responsabile di alcuni degli orologi Patek Philippe più preziosi sulla terra.L’orologio ha mantenuto il titolo dell’orologio più complicato per oltre sei decenni, fino al 1989. E quando è stato privato di quel titolo da un’altra creazione di Patek Philippe, il Supercomplication è riuscito a registrare l’ennesimo titolo nel 1999 quando è stato venduto per poco più di 11 milioni di dollari ad un’asta di Sotheby’s. L’11 ​​novembre 2014, Sotheby’s ha nuovamente messo all’asta il Patek Philippe Supercomplication, venduto per l’incredibile cifra di 20,6 milioni di franchi svizzeri, rendendo il prezzo finale $ 23.984.106 di dollari USA, compreso il premio del compratore. Questo ha reso nuovamente questo magnifico orologio il detentore del record mondiale come l’orologio più costoso mai venduto.

E’ chiaro che in questa classifica stiamo parlando dell’ olimpo dell’orologieria mondiale, della hall of fame tra i più grandi marchi mai esistiti per un segnatempo. Si trascende totalmente la funzionalità per dare credito ad una forma d’arte, quella di tenere il tempo che è la cosa di più valore per un uomo.

stai-cercando-un-patek 1

 

[/emaillocker]

Commenti

  1. Greco Mario dice

    Ho bisogno di sapere il valore di un orologio Patek Philippe oro giallo, datario, fasi lunari, perpetuo, acquistato nel 1970 presso gioielleria Trizio Alfredo via Sparano Bari, condizioni, cassa e quadrante integri, usato in rare occasioni.

Trackbacks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *